martedì 18 luglio 2017

Recensione Il silenzio della pioggia d'estate di Dinah Jefferies [Newton Compton Editori]






Là non c'era niente di romantico, ma lei fotografò tutto: i miseri, gli smarriti, i dimenticati.
E le venne in mente che, documentando la situazione dei poveri, avrebbe trovato un modo per dar voce a chi non ne aveva.







Il silenzio della pioggia d'estate
Dinah Jefferies

Newton Compton Editori  | 19 giugno 2017  | 413 pagine | cartaceo 09,90 € | ebook 0,99 €

*Ringrazio la casa editrice Newton Compton Editori per avermi inviato una copia del libro in cambio di un'onesta opinione*

1930, Rajputana, India.
Dopo la morte del marito, Eliza, una giovane fotoreporter, si sente persa. A tenerle compagnia c’è soltanto la sua macchina fotografica. La solitudine viene un giorno interrotta da una chiamata e da un incarico inaspettato: il Governo britannico decide infatti di inviarla in un ricchissimo stato indiano per fotografare la famiglia reale. È l’occasione della sua vita e deve sfruttarla a ogni  costo. Ma, al suo arrivo, una sorpresa l’attende: giunta al palazzo, conosce il fratello del principe, Jay, un ragazzo giovane, affascinante e dai modi gentili. Uniti dal desiderio di migliorare le condizioni della popolazione locale, che vive in estrema povertà, Jay ed Eliza scopriranno di avere più cose in comune di quanto potessero mai immaginare. Eppure la società indiana, molto tradizionalista, e le loro famiglie la pensano diversamente. E questo li costringerà a una scelta: fare ciò che tutti si aspettano da loro oppure seguire ciò che dice il cuore...


Il pensiero di Blog Expres


Dopo avere sentito parlare tantissimo de "Il profumo delle foglie di tè", ho deciso di intraprendere il mio viaggio in India in compagnia di Dinah Jefferies.
Ne "Il silenzio della pioggia d'estate", con una prosa brillante e coinvolgente, l'autrice  conduce il lettore nell'India degli Anni Trenta sotto il predominio britannico e narra le vicende di Eliza, una giovane donna inglese che dopo essere vissuta in India da bambina, vi fa ritorno da adulta come fotografa, inviata dal governo britannico per documentare la vita nella reggia di Juraipore.
Qui verrà in contatto con la nobiltà indiana avvolta da ricchezze di ogni tipo, ma appena metterà il naso fuori dalla reggia si renderà conto dell'estrema povertà in cui vive la popolazione.
Le farà da "chaperon" Jayant, un giovane uomo carismatico e intrigante che a differenza di suo  fratello, il Maharajah  Anish, ha ricevuto un'educazione britannica e ha una mentalità "moderna" avendo a cuore il benessere del suo popolo.
Nonostante fosse già vissuta in India da bambina, Eliza fa una grande fatica ad ambientarsi nella reggia dove è vista da tutti come un'intrusa e anche i rapporti con Jayant all'inizio non sono dei migliori...

martedì 11 luglio 2017

Recensione L'amore addosso di Sara Rattaro [Sperling & Kupfer]




Esiste un momento preciso nel destino di ognuno di noi
 in cui una cosa diventa chiara:
siamo sempre noi gli unici responsabili delle nostre azioni.





L'amore addosso
Sara Rattaro

Sperling & Kupfer  | 21 marzo 2017  | 241 pagine | cartaceo 16,90 € | ebook 9,99 €


Una giovane donna attende con ansia fuori da una stanza d'ospedale. È stata lei ad accompagnare lì d'urgenza l'uomo che ora è ricoverato in gravi condizioni. È stata lei a soccorrerlo in spiaggia, mentre passava per caso, dice. Non dice – non può farlo – che invece erano insieme, che sono amanti. Lo stesso giorno, in un'altra ala dell'ospedale, una donna è in attesa di notizie sul marito, vittima di un incidente d'auto. Non era con lui al momento dell'impatto; non era rintracciabile mentre la famiglia, da ore, cercava di mettersi in contatto con lei. E adesso, quando la informano che in macchina con il marito c'era una sconosciuta, non sembra affatto stupita.
La prima donna è Giulia. La seconda è ancora Giulia. E il destino, con la sua ironia, ha scelto proprio quel giorno per fare entrare in collisione le due metà della sua vita: da una parte, quella in cui è, o sembra, una moglie fortunata e una figlia devota; dall'altra, quella in cui vive di nascosto una passione assoluta e sfugge al perbenismo di sua madre – alle ipocrisie, ai non detti, a una verità inconfessabile. Una verità che perseguita Giulia come una spina sotto pelle; un segreto che fa di lei quell'essere così tormentato e unico, luminoso e buio; un vuoto d'amore che si porta addosso come una presenza ingombrante, un caos che può soltanto esplodere. Perché l'amore è una voce che non puoi zittire e una forza che non puoi arrestare. L'unica spinta che può riportarti a ciò che sei veramente.


Il pensiero di Blog Expres


Ormai lo so. Prima di iniziare un libro di Sara Rattaro devo avere una bella scorta di fazzoletti al mio fianco, perchè le sue storie parlano di emozioni e sentimenti così forti e contrastanti che è davvero difficile non lasciarsi coinvolgere dagli eventi.
"L'amore addosso" è la storia drammatica di Giulia, una giovane donna che ha amato molto e per questo ha commesso molti sbagli, primo fra tutti c'è l'errore di avere lasciato a sua madre il timone della propria vita.
Solo quando la barca sta quasi definitivamente affondando, trova il coraggio di ribellarsi e di riappropriarsi delle sue scelte, molte delle quali ruotano intorno ad una serie di malintesi...

La verità è quasi sempre una storia raccontata a metà.

sabato 8 luglio 2017

Recensione Ho sposato una vegana di Fausto Brizzi [Einaudi]






"Meglio un'amatriciana oggi o una vecchiaia sana domani?"
Difficilissimo rispondere, soprattutto se abiti a Roma e i ristoranti ti attirano come le sirene di Ulisse a ogni passo con soffritti e odori vari.






Ho sposato una vegana
 Fausto Brizzi

Einaudi  | 2016  | 130 pagine | cartaceo 12,50 € | ebook 7,99 €


Le tragicomiche avventure di un onnivoro perdutamente innamorato di una donna con abitudini alimentari che lui pensava destinate solo ai ruminanti. Un libro divertente e affettuoso su una delle ossessioni della borghesia moderna: il cibo sano e morale.


Il pensiero di Blog Expres

"Una storia vera, purtroppo": così recita il sottotitolo di "Ho sposato una vegana", la storia tragicomica di uno scrittore e regista di successo alle prese con Claudia, l'amore della sua vita, una donna "quasi" perfetta se non fosse per il suo stile di vita green...
Ancora una volta Fausto Brizzi sa interpretare gli umori del tempo e ci parla di un fenomeno di grande attualità, il veganismo, attraverso una storia autobiografica scorrevolissima ed estremamente divertente.
Da una parte i miei vecchi compagni di strada culinaria, dall'altra quelli nuovi che avevano dei nomi esotici per nulla rassicuranti: Tofu, Seitan e Tempè.  Sembravano i cattivi di un cartone animato giapponese, ma erano molto più aggressivi. Una volta asserragliati nel tuo frigorifero erano capaci di resistere per anni e invadere tutte le tue padelle.

domenica 2 luglio 2017

Recensione Shadowhunters - Signora della Mezzanotte di Cassandra Clare





Lost in Fantasy e' una rubrica ideata da Blog Expres a cadenza mensile dove si parlerà di anteprime e recensioni di film e libri di genere Fantasy!

       

Finchè ci saranno affetto e ricordi, la vera morte non esiste.






Shadowhunters - Signora della Mezzanotte
Cassandra Clare

Mondadori | 15 marzo 2016  | 695 pagine | cartaceo 19,00 € | Ebook 7,99€
Disponibile anche in edizione tascabile 14,00€

The Dark Artifices Series

#1 Lady Midnight
#2 Lord of Shadows
#3 Inedito

Los Angeles 2012. Sono passati cinque anni da quando Emma Carstairs ha perso i genitori, barbaramente assassinati. Dopo il sangue e la violenza a cui ha assistito da bambina, la ragazza ha dedicato la sua vita alla lotta contro i demoni ed è diventata la Shadowhunter più talentuosa della sua generazione. Non ha però mai smesso di cercare coloro che hanno distrutto la sua famiglia e, quando si rende conto che l’unico modo per arrivare ai colpevoli è quello di allearsi con le fate, da anni in lotta con gli Shadowhunters, non si tira indietro. È una partita molto pericolosa, ma Emma, insieme a Julian, suo migliore amico e parabatai, ha tutte le intenzioni di giocarla fino in fondo. Non solo la ragazza potrebbe finalmente vendicarsi, ma per Julian si apre la possibilità di riabbracciare il fratello Mark, che anni prima era stato costretto a unirsi al Popolo Fatato. Inizia così una corsa contro il tempo, un’indagine ricca di colpi di scena, dove i bluff e i doppi giochi non mancano e i sentimenti più profondi sono messi a dura prova. Compreso quello che lega Emma e Julian, forse di natura diversa rispetto a quel legame puro, unico e indissolubile che dovrebbe unire due parabatai.

Il pensiero di Blog Expres


Signora della Mezzanotte mi ha frantumato il cuore. Me lo ha spezzato in mille pezzi e ora, mi aspetta una lunga estate crudele.... La tortura si concluderà a settembre, quando uscirà Lord of Shadows in italiano, ma l'attesa sarà davvero dura...
Il compito più difficile ora per me è parlarvi di questo MERAVIGLIOSO libro senza fare spoiler.
Vi basti sapere che per potermelo gustare come si deve ho messo in pausa il blog...
Comincerò con il dirvi che ho un debole per gli amori impossibili e per le storie dense di mistero. Se a tutto ciò aggiungiamo un complicato caso di duplice omicidio da risolvere, allora possiamo davvero dire di trovarci di fronte ad un romanzo perfetto.
Tutto ha inizio, per me, due estati fa quando ho letto per la prima volta "Shadowhunters - Città di ossa". In quell'occasione Cassandra Clare non mi aveva convinto molto eppure i personaggi di quella storia continuavano a riecheggiarmi nella mente e stranamente a distanza di tempo, mi sono accorta di ricordare quasi tutto di quel libro.
Così quando è uscito in Italia "Signora della Mezzanotte" ho deciso di dare una seconda possibilità all'universo Urban Fantasy creato dalla Clare. E ho fatto bene, perchè con "Signora della Mezzanotte" mi sono trovata di fronte ad un'autrice con uno stile più maturo e ad una storia molto convincente e coinvolgente.
L'oceano consuma gli scogli, Emma, e li trasforma in sabbia: allo stesso modo l'amore consuma noi e spezza le nostre difese.

martedì 6 giugno 2017

Recensione libro La donna che cancellava i ricordi di Brian Freeman [Piemme]





Psyco Time è la rubrica di Blog Expres dedicata al romanzo Giallo, Thriller e Poliziesco



Diciamo la verità, dottoressa Stein, è una bella coincidenza.
Due pazienti si rivolgono a lei per una terapia, e tutte e due impazziscono e si suicidano?
Forse è ora che cominci a chiedersi cosa ha fatto davvero, 
nelle loro teste...






La donna che cancellava i ricordi
 Brian Freeman

Frost Easton Series
#1 La donna che cancellava i ricordi

Piemme | 04 aprile 2017 | pp. 384 | Cartaceo 18,50€ | Ebook 9,99€

*Ringrazio  la casa editrice Piemme per avermi inviato una copia ebook del romanzo in cambio di un'onesta opinione sul libro*

Che se ne pensi bene o male, la dottoressa Stein fa parlare di sé a San Francisco. Dopo anni di ricerca, ha sviluppato un controverso metodo di ipnosi in grado di cancellare il ricordo di eventi traumatici, ricostruendoli in modo da “diminuire” il coinvolgimento del soggetto. Non tutti ci credono; tra i più scettici il detective della Omicidi Frost Easton – che spesso si ritrova a dover collaborare con la dottoressa in tribunale. Frost è un uomo con un passato ingombrante, che ha imparato a sue spese che non esistono i miracoli. E nemmeno le coincidenze. E infatti, quando una serie di donne ritrovate morte in zone diverse della città vengono identificate tutte come ex pazienti della dottoressa Stein, Frost sa che dovrà partire da lei per capire chi si nasconde dietro gli omicidi. Se vogliono fermare il serial killer che sta terrorizzando la città del Golden Gate, Stein e Frost dovranno così navigare, insieme, le acque burrascose di un’indagine sempre più intricata, imparando ad apprezzarsi a vicenda. Mentre il killer continua a colpire: chi sarà la prossima vittima?


Il Pensiero di Blog Expres:


Questo libro fa paura.
Non è un thriller pieno di spargimenti di sangue e sevizie descritti nei minimi particolari. Assolutamente no!
Questa storia inquieta, perchè l'autore fa leva sulla sottile arma delle paure inconsce... e dei ricordi dolorosi. Infondo chi non ha almeno una piccola fobia? Chi non ha subito almeno una volta nella vita un trauma che vorrebbe dimenticare?
Lo sa bene le psichiatra Frankie Stain, nome che rievoca Frankestein  il mostro creato dalla penna di  Mary Shelley, che è diventata ricca e famosa grazie al suo metodo di ipnosi con il quale cura i suoi pazienti rimuovendo i ricordi dolorosi. Tutto sembra andare per il meglio fin quando una serie di donne, tutte sue pazienti, muoiono in circostanze strane e inquietanti.
"La donna che cancellava i ricordi" è il primo libro di una nuova serie di Brian Freeman che vede come protagonista lo scettico e solitario ispettore Frost Easton.
L'assassino alza la posta in gioco fino ad arrivare a minacciare sia la psichiatra che l'ispettore in un ritmo serratissimo e pieno di colpi di scena.
Le persone possono modificare i propri ricordi senza rendersene conto. Il problema è che i ricordi si possono cambiare anche in modo deliberato. È pericoloso, sì, ma è anche un’opportunità.

lunedì 29 maggio 2017

Recensione Non ditelo allo scrittore di Alice Basso [Garzanti]






La carta è infiammabile,
si usa per dare fuoco alla miccia delle rivoluzioni.
Ricordatevelo sempre.
Quando studiate letteratura, non studiate
soltanto libri: studiate la miccia della storia.




Non ditelo allo scrittore
 Alice Basso

Garzanti  | 18 maggio 2017  | 316 pagine | cartaceo 16,90 € | ebook 9,99 €

*Ringrazio la casa editrice Garzanti per avermi inviato una copia del libro in cambio di un'onesta opinione*

A Vani basta notare un tic, una lieve flessione della voce, uno strano modo di camminare per sapere cosa c’è nella testa delle persone. Una empatia innata che Vani mal sopporta, visto il suo odio per qualunque essere vivente le stia intorno. Una capacità speciale che però è fondamentale nel suo mestiere. Perché Vani è una ghostwriter. Presta le sue parole ad autori che in realtà non hanno scritto i loro libri. Si mette nei loro panni. Un lavoro complicato di cui non può parlare con nessuno. Solo il suo capo sa bene qual è ruolo di Vani nella casa editrice. E sa bene che il compito che le ha affidato è più di una sfida: deve scovare un suo simile, un altro ghostwriter che si cela dietro uno dei più importanti romanzi della letteratura italiana. Solo Vani può trovarlo, seguendo il suo intuito che non l’abbandona mai. Solo lei può farlo uscire dall’ombra. Ma per renderlo un comunicatore perfetto, lei che ama solo la compagnia dei suoi libri e veste sempre di nero, ha bisogno del fascino ammaliatore di Riccardo. Lo stesso scrittore che le ha spezzato il cuore, che ora è pronto a tutto per riconquistarla. Vani deve stare attenta a non lasciarsi incantare dai suoi gesti. Eppure ha ben altro a cui pensare. Il commissario Berganza, con cui collabora, è sicuro che lei sia l’unica a poter scoprire come un boss della malavita agli arresti domiciliari riesca comunque a guidare i suoi traffici. Come è sicuro che sia arrivato il momento di mettere tutte le carte in tavola con Vani. Con nessun’altra donna riuscirà mai a parlare di Chandler, Agatha Christie e Simenon come con lei. E quando la vita del commissario è in pericolo, Vani rischia tutto per salvarlo. Senza sapere come mai l’abbia fatto. Forse perché, come ha imparato leggendo La lettera scarlatta e Cyrano de Bergerac, ogni uomo aspira a qualcosa di più grande, che rompa ogni schema della razionalità e della logica. Vani è ormai uno dei personaggi più amati dai lettori italiani. Dopo il successo dell’Imprevedibile piano della scrittrice senza nome e di Scrivere è un mestiere pericoloso, Alice Basso torna con la perfezione e l’originalità di uno stile che le ha portato l’ammirazione della stampa più autorevole. Un nuovo romanzo, stesse caratteristiche imperdibili: libri, indagini, amore e una protagonista che diventerà come un’amica un po’ strana che non riuscirete più ad abbandonare.


Il pensiero di Blog Expres

Leggere Alice Basso è sempre un'esperienza di lettura piacevolissima e divertente! Immergermi tra le pagine di "Non ditelo allo scrittore" è stato come incontrare dei vecchi amici dopo un anno e come avviene per le grandi amicizie, quando ci si vede anche dopo tanto, sembra che il tempo non sia passato. L'anno scorso leggendo "Scrivere è un mestiere pericoloso" (la mia recensione QUI) ho incontrato personaggi straordinari, primo fra tutti Silvana Vani Sarca, famigerata ghostwriter e collaboratrice del mitico commissario Berganza.
L'avevo lasciata alle prese con il suo ex fidanzato Riccardo e con due amiche improbabili come un'ottantenne di nome Irma e un'adolescente di nome Morgana che entrambe costituiscono il suo  alter ego e con le quali riesce ad essere veramente se stessa.
San Valentino è quando dai appuntamento al tuo partner in un luogo pubblico perchè sia meno probabile che diventi pericoloso. Come coi criminali.

martedì 16 maggio 2017

Recensione Nel profondo della foresta di Holly Black





Lost in Fantasy e' una rubrica ideata da Blog Expres a cadenza mensile dove si parlerà di anteprime e recensioni di film e libri di genere Fantasy!

       

Vi metterò in guardia per tre volte, di più non mi è permesso.





Nel profondo della foresta
Holly Black

Mondadori | aprile 2017  | 243 pagine | cartaceo 18,00 € | Ebook 9,99€

Autoconclusivo

Nel profondo della foresta c'era una bara di vetro che giaceva sulla nuda terra. Dentro vi riposava un ragazzo con le corna in testa e orecchie affilate come coltelli... Hazel e il fratello Ben sono cresciuti a Fairfold, una piccola città dove, da tempo, gli umani hanno imparato a convivere pacificamente con le creature fatate della vicina foresta. Un posto diventato meta di tanti turisti curiosi, attratti dalle magie che qui hanno luogo ma in particolare dal ragazzo con le corna che riposa dentro una bara di vetro, la meraviglia più grande di tutte. Affascinati fin da bambini da questa presenza misteriosa, Hazel e Ben hanno provato più e più volte a immaginarne la storia. Nelle loro fantasie il giovane era a volte un principe dal cuore nobile e dalla natura buona e generosa, e altre un essere crudele e spietato. Ora che è cresciuta, però, Hazel pensa che sia arrivato il momento di accantonare tutte quelle fantasie infantili accettando il fatto che, per quanto lo abbia desiderato a lungo con tutta se stessa, il ragazzo con le corna non si sveglierà mai. Un giorno, però, quello che sembrava impossibile accade... sconvolgendo la vita della ragazza, di suo fratello e della loro città. Fiaba moderna dalle sfumature dark, appassionante e ricca di colpi di scena, Nel profondo della foresta segna il ritorno di Holly Black ai romanzi delle origini che l'hanno fatta conoscere, e amare, dai lettori.

Il pensiero di Blog Expres

Una foresta incantata, creature magiche, incantesimi, spade invincibili e un mostro terribile: Holly Black ritorna alle origini con un romanzo fantasy dalle tinte dark ispirato al folklore irlandese. Ed è proprio questo l'aspetto che ho amato di più di questo romanzo ossia le atmosfere magiche e surreali, i tantissimi riferimenti alle leggende e le innumerevoli creature magiche che popolano la foresta creata da Holly Black.
Tutte le vicende si svolgono in un bosco incantato intorno alla tranquilla cittadina di Fairfold che da secoli convive più o meno pacificamente con le dispettose creature dei boschi...
Numerosi turisti arrivano qui per ammirare l'attrattiva del luogo ovvero una urna di vetro che ospita un ragazzo con le corna in testa e le orecchie affilate come coltelli.
Quando un bel giorno il misterioso ragazzo si sveglierà dall'incantesimo e uscirà dall'urna, la vita dei cittadini di Fairfold non sarà più la stessa...