giovedì 10 settembre 2015

Recensione Il Grande Inverno #2 di George R.R. Martin



Lost in Fantasy e' una rubrica ideata da Blog Expres a cadenza mensile dove si parlerà di anteprime e recensioni di film e libri di genere Fantasy e dintorni!

       


Buon giorno lettori! 
Oggi finalmente posso condividere con voi le mie impressioni su "Il Grande Inverno", secondo volume dell'edizione italiana della saga "Le cronache del Ghiaccio e del Fuoco". Con questo libro si entra nel vivo della storia, ci si affeziona di più ai personaggi e ci si rende conto di quanto sia spietata la penna di Martin, affilata come una lama di Valyria, pronta a colpire i cuoricini di noi poveri lettori... Se ho esultato per la morte di alcuni personaggi davvero indigesti, ho pianto per la dipartita di alcuni miei beniamini, ma soprattutto ho capito che le frecce infuocate di Martin non risparmiano nessuno. L'autore non teme il giudizio dei suoi lettori, non ha paura di ferirci, di stupirci, di farci ridere, esultare e poi piangere... NO! Comincio a pensare che Martin lo faccia apposta! Tremendo, crudele, irresistibile cantastorie... 
Potete leggere l'incipit QUI


                                                --0O0--
Il Grande Inverno
George R.R. Martin
Mondadori
1999
441 pagine

Saga "Le cronache del Ghiaccio e del Fuoco"
Il trono di spade #1
Il grande inverno #2
La Regina dei Draghi #3
Il regno dei lupi #4
Tempesta di spade #5
I fiumi della guerra #6
Il portale delle tenebre #7
Il dominio della regina #8
L'ombra della profezia #9
I guerrieri del ghiaccio #10
I fuochi di Valyria #11
La danza dei draghi #12
The Winds of Winter #13
A dream of spring #14

Prequel Il Cavaliere dei Sette Regni

Trama: Nella terra dove le stagioni possono durare intere generazioni, divampa la guerra tra la bella e corrotta regina Cersei Lannister e i lord dei Sette Regni fedeli ai coraggiosi signori di Grande Inverno. Intanto, nelle grandi pianure orientali, la principessa Daenerys Targaryen, ultima discendente della dinastia del Drago, si prepara con i suoi poteri straordinari alla riconquista del regno dei suoi avi. Ma la vera minaccia sono gli Estranei che avanzano da nord, esseri misteriosi, per secoli ritenuti a torto frutto della fantasia. Odiano la vita, il fuoco, il calore, l'estate, perché essi sono la morte, il freddo, il ghiaccio e l'inverno. La fine dell'estate è vicina e solo un nuovo prodigio potrà squarciare le tenebre.


Quando si gioca al gioco del trono o si vince o si muore...

Il pensiero di Blog Expres: 
Rispetto a "Il trono di spade" (La mia recensione QUI) la lettura de "Il grande inverno" si è rivelata più impegnativa, ma estremamente avvincente. In questa seconda parte spiccano alcuni personaggi che mi hanno attratto molto come Eddar Spark, Jon Snow e Daenerys sia per il loro carattere sia perchè la sventura incombe su di loro condizionandone le sorti e qui mi fermo... altrimenti lo spoiler sarebbe inevitabile...
Eddar Stark è il Signore di Grande inverno, nonchè Primo Cavaliere del Re. Lo stemma degli Stark è un Meta Lupo e il loro motto è "L'inverno sta arrivando". Eddar è un uomo saggio, valoroso e con un grande attaccamento alla sua famiglia, ma molto molto sfortunato...

 
Ha 5 figli legittimi di cui 3 maschi e 2 femmine e un figlio bastardo di none Jon Snow.
Per ora Jon Snow è il personaggio maschile che preferisco, ha quindici anni ed è entrato a far parte dei Guardiani della Notte, che sono una specie di monaci guerrieri che presidiano la Barriera a confine con l'estremo nord difendendo il reame dagli attacchi dei bruti. 
Daenerys Targaryen, ultima discendente della dinastia del drago, è il personaggio femminile che mi ha colpito di più, almeno per ora, ammesso che Martin non cambi le carte in tavola facendomela prima amare e poi odiare.... Sono già pronta a questa eventualità, anzi vi avviso: se volete avventurarvi nella lettura de "Le cronache del Ghiaccio e del Fuoco" siate pronti a tutto!
Comunque, nel primo libro lasciamo una giovanissima Daenerys, succube del fratello che la dà in sposa a Khal Drogo, il capo di una tribù di guerrieri equestri spietati e selvaggi. Ora il carattere di Daenerys si sviluppa, emerge e acquista sicurezza in se stessa riuscendo a prendere delle decisioni molto importanti e ad affrontare delle prove degne di un'amazzone.
Dalla parte dei cattivi troviamo i tre fratelli Lannister composti dalla regina Cersei e da Jaime "Lo sterminatore di re" (che sono gemelli) capitanati da Tyrion "Il folletto". 
Quest'ultimo è il mio cattivo preferito, perchè è astuto e ironico e si fa beffe dei potenti. Cersei e Jamie ancora si mantengono sullo sfondo, ma è chiaro che sono due creature diaboliche e crudeli... Non nutro simpatia per loro...
Greorge R.R. Martin è un abile burattinaio che nascosto dietro le quinte, muove i fili dei suoi personaggi in maniera imprevedibile e sconvolgente. 
Anche "Il grande inverno" è un libro documentatissimo e molto curato. Le ambientazioni sono degne di un film holliwoodiano in 3D: il nido d'aquila, la foresta stregata, il parco degli Dei e i sepolcri degli antenati degli Spark: ogni luogo è misterioso e affascinante. Ogni descrizione è minuziosa, ma utile per conoscere meglio la storia senza scadere mai nel prolisso.
L'Aquila Reale non ha bisogno di voli pindarici per dimostrare il suo valore e lo stesso vale per la penna rapace di Martin.
Colpita e affondata. Di nuovo.
                                                      
                             

 

Cosa ne pensate di questo libro?
Zio Martin ha strapazzato anche il vostro cuore?
Post di Maria 

7 commenti:

  1. credo che per gli amanti del genere questa saga sia una lettura imprescindibile :)

    RispondiElimina
  2. Io amo Tyrion e- ahimè- anche Eddard.. Daenerys è una bomba, più leggo di lei più mi piace! Anche Arya mi piace tantissimo.. Io sto leggendo Il regno dei lupi e George Martin non si smentisce mai! (In tutti i sensi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Caterina! Anche a me piace molto anche Arya! Ha un bel caratterino nonostante la giovane età e poi la trovo molto più intelligente di sua sorella Samsa...

      Elimina
  3. Ciao Maria :3 Questo libro è sulla mia scrivania da un paio di mesi, perché lo avevo iniziato durante il periodo scolastico, ma alla fine era troppo impegnativo e ho deciso di rimandarne la lettura :3 dovrei leggerlo la settimana prossima per una challenge! Ad ogni modo Jon Snow e Eddad piacciono molto anche a me. Il mio personaggio preferito femminile è Arya *_* Danaerys inizialmente mi piaceva, poi diventa noiosa! Ops, mi sa che sto confondendo libri e serie tv >_> il folletto lo adoro e Jaime nella serie tv mi piace troppo <3 Non è così cattivo come sembra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì in effetti anche per me è stata una lettura impegnativa che mi ha richiesto più tempo del previsto, però la mia ostinazione è stata premiata visti tutti i colpi di scena che ci sono... non ti dico niente sennò ti tolgo la sorpresa!

      Elimina
  4. Ciao ^^ che bella recensione! Adoro questa meravigliosa saga, ho già letto anche il quinto libro, i miei preferiti sono Tyrion, Jon e Dany, ma come dimenticare Ned?

    RispondiElimina