sabato 5 dicembre 2015

Spazio Emergenti #26 Come petali sulla neve di Antonella Iuliano





Buon giorno amici! 
Oggi vi parlo dell'ultimo lavoro di Antonella Iuliano, autrice che mi ha ispirato da subito una grande simpatia a causa delle nostra passione per le Sorelle Brontë!! 
Infatti il suo libro Charlotte è ispirato proprio alle scrittrici inglesi ed è uno dei premi in palio nel Christmas BOX Giveaway! Se ancora non vi siete iscritti, potete farlo QUI.
Ora veniamo alla notiziona del week end: finalmente è arrivata in libreria la versione cartacea del suo ultimo libro Come petali sulla neve, fin ora disponibile solo in versione ebook! Si tratta di un romanzo drammatico contemporaneo con una cover particolarmente invitante!


Come petali sulla neve 
Antonella Iuliano
Genesis Publishing
240 pagine
Pagine 128
cartaceo 11,60 €
 ebook 3,99 €
 anno di uscita 2015 

Per saperne di più:




Se vi interessa, vi lascio i link di acquisto:



Trama: 
“Come petali sulla neve 
recisi dallo stesso fiore, 
sospinti da un impetuoso vento 
in remoti luoghi, 
ad appassir lontani.” 

Il giorno in cui scrive questi versi, Philip Shannon sente di aver perso le poche certezze racimolate nella sua vita apolide. È seduto dietro una finestra con il cuore affranto e lo sguardo fisso sull’ultima neve di marzo. La sua storia è iniziata soltanto pochi mesi prima, dietro un altro vetro, freddo e umido, a migliaia di chilometri di distanza. Una pioggia insistente, quel giorno, sferzava le strade dove raramente si era avventurato nei suoi lunghi anni trascorsi all’Istituto per orfanelli S. Vincent, in Irlanda del Nord. 
La sua esistenza è una landa desolata dove la neve si è posata così a lungo e il freddo è tale da cristallizzare il passato, come nella fotografia che ha accidentalmente ritrovato nell’archivio dell’Istituto: l’immagine di due bambini troppo simili, e la certezza che uno dei due sia proprio lui, è tutto ciò che ha. Oltre il vetro e la pioggia, esiste qualcuno che è parte della famiglia che non ha mai avuto; qualcuno con il suo stesso aspetto; qualcuno a cui lui appartiene e che gli appartiene. 
Un viaggio a ritroso, tra molte ombre e pochissime luci, sembra destinato a concludersi in un vicolo cieco, ma la sensazione che qualcuno abbia voluto chiudere a doppia mandata ogni uscio che si affacci sulla verità è più forte. 
Adesso Philip è in Inghilterra, dove l’hanno condotto i pochi indizi in suo possesso; ha nuovi amici ma anche più grandi amarezze, perché nulla è andato come si augurava. 
Una resa può essere la migliore delle soluzioni se si tenta di scalare un muro inespugnabile di menzogne e si è costretti a farlo a mani nude, questo Philip lo sa bene il giorno in cui paragona la propria vita e quella del suo gemello ai petali di un fiore disfatto dall’impeto di una tormenta avvenuta oltre vent’anni prima e destinati forse a perdersi per sempre. 
Un amore malato e un nuovo inverno, porteranno le risposte.



Estratto:

Prologo
La pioggia cadeva fitta e impetuosa sugli alberi, sui tetti, sulle strade, sulle imposte delle finestre, sul cortile sottostante l’edificio in cui mi trovavo, sulla panchina dove solevo passare il tempo in compagnia di un buon libro. La pioggia veniva giù come a voler ripulire ogni cosa dalla polvere del tempo. Pioveva. Pioveva dentro e fuori dal mio cuore mentre fissavo le lacrime del cielo riversarsi sulla terra, con la fronte appoggiata al vetro freddo e umido della finestra della mia stanza. In quel momento avevo solo una certezza: quella pioggia non sarebbe stata sufficiente a spazzare via la polvere del tempo che adesso era dentro di me, che si era accumulata a mia insaputa e che vedevo, sentivo, ma di cui non riuscivo a comprendere la provenienza. Quella pioggia poteva sì, ripulire i vicoli delle strade che si diramavano sotto di me, mute testimoni del vivere umano, ma non poteva lavare via ciò che si era impresso nella mia mente, nel mio cuore, nella mia anima. La polvere del tempo mi si era rovesciata addosso con il peso di un macigno e l’unico modo che avevo per non lasciarmi sopraffare da essa era quello di affrontare il piovasco e il mondo oltre quel vetro, alla ricerca di una verità che, molto probabilmente, non avrei mai trovato. Mi chiamo Philip Shannon e questa è la mia storia.


Quest'anno a Natale regalate libri!
...E Come petali sulla neve di Antonella Iuliano
potrebbe essere un'idea regalo davvero originale, no?!
Ci vediamo presto per una nuova puntata di
Spazio Emergenti!
Maria

Nessun commento:

Posta un commento