martedì 14 aprile 2015

Recensione Pomodori verdi fritti al Caffè di Whistle Stop di Fannie Flagg





Buon giorno amici! Come ve la passate? Oggi vi parlo di un libro davvero particolare: Pomodori verdi fritti al Caffè di Whistle Stop di Fannie Flagg. Con questa lettura ho raggiunto l'obiettivo "n. 68: Un libro con il titolo che contenga un alimento" della Lotto Reading Challenge.
Potete leggere l'incipit QUI


                                                --0O0--
        
Pomodori verdi fritti al Caffè di Whistle Stop
Fannie Flagg
BUR Rizzoli
2013
           --0--

Trama: Vero e proprio caso editoriale, presenza stabile nelle classifiche dei best seller americani per oltre nove mesi, Pomodori verdi fritti al caffé di Whistle Stop è un piccolo capolavoro che molti lettori hanno scoperto e amato anche grazie all'omonimo fortunato film degli anni Novanta. Coniugando uno humour irresistibile alla rievocazione struggente di un mondo che non c'è più, Fannie Flagg racconta la storia del caffé aperto in un'isolata località dell'Alabama dalla singolare coppia formata da Ruth, dolce e riservata, e Idgie, temeraria e intraprendente. Un locale, il loro, che è punto di incontro per i tipi umani più diversi e improbabili: stravaganti sognatori, poetici banditi, vittime della Grande Depressione. La movimentata vicenda che coinvolge Ruth e Idgie, implicate loro malgrado in un omicidio, e la tenacia che dimostrano nello sconfiggere le avversità, donano a chiunque segua le loro avventure la fiducia e forza necessarie per affrontare le difficoltà dell'esistenza.

Il pensiero di Blog Expres:
Pomodori verdi fritti è il piatto forte del Caffè di Whistle Stop le cui proprietarie Ruth e Idgie sono due donne moderne e anticonfromiste, vissute in Alabama durante gli anni Venti, gli anni della Grande Depressione, periodo in cui il razzismo andava di gran moda.
Idgie è un "maschio mancato", una specie di Gian Burrasca, grintosa e divertente, le piace fare scherzi, bere Whisky e giocare a poker. Ruth invece è una donna calma e riflessiva. Idgie e Ruth sono amiche fin dall'infanzia, la loro è un'amicizia complessa, è una specie di amore platonico che le legherà per tutta la vita. L'unica cosa che mi ha lasciato perplessa è che mi sembra un pò improbabile che una coppia così bizzarra potesse essere vista di buon occhio dalla società dell'epoca che è stata invece ben descritta come bigotta e razzista.  Vista la descrizione che viene fatta della mentalità delle persone del'Alabama, mi sembra difficile credere che le due protagonste potessero riscuotere una così grande simpatia nella piccola cittadina di Whistle Stop.  

Il lettore viene a conoscenza delle vicende del Caffè tramite i flashback di una simpatica vecchietta, la signora Virginia Threadgoode che racconta tutto a Evelyn, una donna di quarant'anni sull'orlo di una crisi di nervi. La cornice dei racconti è la casa di riposo "Rose Terrace" di Birmingham, Alabama. Siamo negli anni Ottanta.
Fannie Flagg ha creato un romanzo dal sapore Vintage rievocando atmosfere del passato, un'America lontanissima, perduta nella notte dei tempi.
Leggendo "Pomodori verdi fritti" per alcuni aspetti mi è tornata alla mente mia nonna, la sua biancheria al profumo di lavanda, i biscotti cotti al forno, la confettura fatta in casa, le sere d'estate trascorse tra risate e gelati.
Lo stile narrativo di Fannie Flagg è divertente e brioso, mescola elementi malinconici con battute divertenti e il risultato finale è una lettura piacevole che scorre veloce come un treno lungo le rotaie dell'Alabama.



Nota sull'autrice:
Fannie Flagg è una scrittrice statunitense, nata a Birmingham in Alabama il 21 settembre 1944. Ha esordito a 19 anni come autrice e produttrice televisiva. È stata attrice e sceneggiatrice per la tv, il teatro, il cinema. Si è affermata come scrittrice con Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop (Sonzogno, 1992), divenuto un film di successo, premiato con una nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura non originale. Il suo ultimo romanzo edito Rizzoli è "Voli acrobatici e pattini a rotelle" il 18 giugno 2014.


Post di Maria Milani

18 commenti:

  1. Ecco la recensione ** bello mi ispira! ho sempre sentito parlare bene di questa autrice. se mi capita di prenderlo lo leggerò con piacere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una lettura piacevolissima! Te lo consiglio proprio!

      Elimina
  2. Ce l'ho, devo solo decodermi a leggerlo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dani, sono sicura che ti piacerà! un abbracio

      Elimina
  3. E io ero sicurissima che ti sarebbe piaciuto!!! Vedrai che, adesso che hai iniziato, abbandonare questa autrice sarà veramente difficile :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì guarda, avevo letto la tua recesione e già mi ero fatta una certa idea! Ora vorrei leggere "Voli acrobatici e pattini a rotelle" che è l'ultimo suo libro!

      Elimina
  4. Evvivaaaa La Flagg ha fatto centro!!! Sono contenta che ti sia piaciuto! Questa Autrice riesce a mischiare bene la tristezza e l'allegria, i pianto e i sorrisi, io la adoro. Ps ha il classico viso di donna americana non trovi? Ah ah ah va beh ho divagato...baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salvia, è vero la Flagg ha proprio la faccia da Americana! Ahahahahah :D anche io ho pensato la stessa cosa quando ho visto le sue foto sul web!

      Elimina
  5. Ho messo in moto anche mia madre! Questo libro sarà mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima! Sono sicura che la Flagg piacerà sia te che tua mamma ;)

      Elimina
  6. Non vedo l'ora di leggere qualcosa della Flagg.. sono felice che il libro ti sia piaciuto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che tu decida di leggerlo e di recensirlo! Si lascia leggere di gusto!

      Elimina
  7. è già nella mia libreria, credo proprio che lo leggerò prestissimo!!! ^-^

    RispondiElimina
  8. bene!! sono contenta che ti sia piaciuto...lo metto anche io in wishlist

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Licia! Ho scoperto da poco Fannie Flagg e mi sta piacendo molto il suo stile!

      Elimina
  9. Anche a me è piaciuto tantissimo! Ho veramente sentito il profumo dei pomodori del Whistle stop cafè tra le sue pagine così come ho respirato l'odore di quell'Alabama perduta... bella recensione! Hai visto anche il film Maria? Anche quello è splendido ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jerry ancora non vedo il film, ma tutti me ne parlate bene quindi devo assolutamente rimediare ;)

      Elimina